Lo sproloquio del fetente

Stamattina mi sono svegliato e, come ogni giorno, ho aperto la casella mail della rivista. Oltre a un paio di racconti brevi, una richiesta di informazioni e un invito alla presentazione di un libro, c’era una mail senza oggetto, inviatami da un indirizzo che ho trovato quantomeno insolito e che non scriverò per mantenere la privacy del mittente. Continua a leggere

Il silenzio

Appena entrati in casa si lasciarono cadere sul divano senza neanche togliersi lui, X, il cappotto (nero, zuppo di pioggia, lungo fino alle ginocchia), lei, Y, l’impermeabile (verde palude, lucido come se fosse ricoperto di squame, corto). I loro capelli erano fradici, i loro occhi sconvolti, i loro volti pallidi, come se avessero attraversato una foresta umida e infestata da bestie ferine uscendone indenni.

Continua a leggere

La torre d’acqua

Una notte – una notte in cui non solo pioveva ma diluviava, le facciate dei palazzi si accendevano e si spegnevano a intermittenza, la città, con le strade e i marciapiedi allagati, si accartocciava su di sé – prese uno sgabello e si sedette davanti alla finestra. Osservò il desolato panorama per qualche istante. Poi tirò fuori il cellulare dalla tasca dei pantaloni e andò sul suo Profilo Pubblico Personale. Con l’indice esercitò una leggera pressione sulla scritta FOTO. Continua a leggere