Lo sproloquio del fetente

Stamattina mi sono svegliato e, come ogni giorno, ho aperto la casella mail della rivista. Oltre a un paio di racconti brevi, una richiesta di informazioni e un invito alla presentazione di un libro, c’era una mail senza oggetto, inviatami da un indirizzo che ho trovato quantomeno insolito e che non scriverò per mantenere la privacy del mittente. Continua a leggere

Scenderà la notte

Si girò sulla sinistra e chiuse gli occhi. Ancora non comodo, spostò il peso sulla destra. Si impegnò a rimanere fermo, ma la maglietta gli si era piegata sotto il fianco e gli dava fastidio. Si mise supino. La sua ragazza, che gli dormiva abbracciata, si lamentò nel sonno e si distaccò da lui. Anche quella notte, come tutte le precedenti della settimana d’altronde, non riusciva a dormire. I suoi occhi, sbarrati, vagavano nelle tenebre. Continua a leggere